Visita guidata Volterra e S.Gimignano

Arte e cultura
modello di San Gimignano

VISITA GUIDATA VOLTERRA E S.GIMIGNANO

Due belvederi che si innalzano sulle colline toscane, dove il tempo stesso ripercorre i propri passi; Volterra l’isola etrusca, e San Gimignano la città delle 72 torri.

Volterra
Oltre mille anni di storia per una città immersa nelle verdi colline toscane tra le balze rocciose, separata dal mare ma vicina ai suoi profumi e colori. Costruita dagli Etruschi, racchiusa da Mura possenti che proteggono il cuore della città: un groviglio di vicoli e piazze che si districa di fronte alla Fortezza Medicea. Il tempo è fermo, è confuso. Storia etrusca, rinascimentale, medioevale e romana si mescolano e convivono all’interno di ogni singola pietra. Per te, amante della storia e arte italiana è una meta che non può mancare lungo il tuo percorso. Il Duomo con il suo Battistero trecentesco, il Palazzo dei Priori (sede dell’alta magistratura fiorentina), il teatro romano antico e pieno di storia, per non parlare delle numerose chiese tutte uniche nel loro genere aspettano solo te. Ripercorrere quelle strade consumate da millenni non può che condurre al Museo Guarnacci: Museo etrusco di Volterra, dove è possibile fare un salto indietro nel tempo e comprendere a pieno la straordinaria storia e cultura del popolo etrusco. Ma Volterra non è fatta solo di pietre antiche, è una vera città d’arte italiana. Come in una caccia al tesoro è possibile scoprire alcune tra le opere più belle mai realizzate in Alabastro, considerato dagli etruschi “una pietra degli dei”. Oggi come due millenni fa, gli artigiani versano sudore e lacrime della lavorazione di questa roccia per dare la possibilità al turista di comprare un ricordo senza tempo. Conosciuta oggi come la Città dei Vampiri grazie all’autrice della saga di Twilight Stephenie Meyer, Volterra mostra anche questo lato di sé. Così antica e orgogliosa, piena di storie vissute raccontate o sperse nel vento, oggi queste sono pure state messe nero su bianco. Non è inusuale trovare anche quel turista che ripercorre le minuziose descrizioni dell’autrice con il libro alla mano, sperando di incontrare Bella o Edward, o che visita il Palazzo dei Priori con la speranza di imbattersi nei Volturi. Tu che hai letto i libri o visto i film, sai bene di cosa sto parlando!! Insomma, “ogni scusa è buona” per visitare Volterra. Anche solo per mangiare un boccone immersi nell’alone di mistero, solitudine e di romantica tristezza che pervade la città.

San Gimignano
Famoso borgo medioevale arroccato sulle colline a nord di Siena dominando la Val d’Elsa con le sue torri: ieri status di potere, oggi bellezza e suggestione. Iscritta nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco, la città è famosa in tutto il mondo per le sue 14 Torri, originariamente 72 tra case-torri e torri. Come resistere e non salire sulla Torre Grossa? 54 metri che trasportano il viaggiatore indietro al XIV secolo regalandogli una vista da cartolina, uno spettacolo e un panorama indescrivibile con semplice parole. Tra le colline, tra una torre e l’altra, sono celate numerose opere architettoniche: Musei, teatri, palazzi e il Duomo Romanico. Patria della Vernaccia, uno dei vini bianchi più prestigiosi d’Italia, prodotto sin dal Milleduecento. Il borgo offre al turista la possibilità di sorseggiare un buon bicchiere di vino e ammirare gli affreschi della Collegiata, dedicati a Santa Fina – patrona della città. E dopo una faticosa scalinata, reduci dal caldo e dalla stanchezza, non c’è niente di meglio al mondo che mangiare un buon gelato in Piazza della Cisterna. Agli amanti di questo dolce e fresco nettare svelo un segreto: è possibile trovare gusti particolari che mai troverete altrove, ma solo io conosco i posti giusti 😉 Superfluo elogiare la cucina tipica; i prodotti locali sono ottimi e negli agriturismi è possibile pranzare degustando piatti sublimi dal profumo dolce e pungente dello zafferano, coltivato sulle colline circostanti.

Durata visita: una giornata, con possibilità di prenotare una degustazione di vini e formaggi